Rustichella D’Abruzzo

4,50 

Chitarrone Primograno Gr.500

 

Formato simile agli spaghetti ma con uno spessore maggiore e una sezione quadrata invece che rotonda, che deriva dall’attrezzo tipico utilizzato per la sua preparazione (chiamato appunto “chitarra”), il quale conferisce a questa pasta una texture decisa in grado di catturare completamente il condimento, che può spaziare da un semplice ma buonissimo pomodoro e basilico, ad uno più corposo e rustico come salsiccia e radicchio fino ad uno più “healthy” come il “pesto alla Genovese” Rustichella d’Abruzzo.

Disponibilità: 6 disponibili

Categoria: Tag:

La prima pasta prodotta in Italia con grano 100% Abruzzese

 

• Semola derivante da grano duro, varietà: S. Carlo,
coltivato in Abruzzo.
• Anno di Prima Produzione: 2004
• Aspetto: ruvido
• Colore: giallo tendente al bianco
• Odore: tipico di semola fresca
• Sapore: appena cruscale
• Consistenza: solida
• Essicazione: da 24 a 48 h
• Valori Nutrizionali: Valore Energetico 355 Kcal, 1490 kJ,
Grassi 1,5 g – di cui saturi 0,3, Carboidrati 72 g – di cui zuccheri
4 g, Fibra 3 g, Proteine 12, 6 g, Sale 0,01 g

La storia della Chitarra si perde nella notte dei tempi quando la
presenza degli Arabi in Abruzzo lasciò traccia di un particolare
strumento a corde, il Qanun. Nell’area vestina assunse
successivamente il nome di “Carrature” per declinazione
dialettale abruzzese della parola francese “carrer” ”, che
significa “squadrare regolarmente”. Non a caso il formato
più tipico della tradizione abruzzese prende il nome dallo
strumento con il quale si realizza, detto appunto chitarra per
i
f
ili tesi che servono per tagliare la pasta. A partire dal 700,
come testimoniano diversi documenti notarili dell’epoca, la
chitarra è portata in dote alle spose abruzzesi insieme al ferro
per i dolci. Il borgo teatino di Pretoro detiene ancora oggi il
primato nella produzione di “Carrature”.

Carrello
Rustichella D’Abruzzo
4,50 

Disponibilità: 6 disponibili